Cappotto termico e infissi | I vantaggi del controtelaio monoblocco isolante

Il cappotto termico, assieme agli infissi, è il protagonista della riqualificazione energetica. Si parla poco di come questi elementi dovranno essere installati e di come, la scelta del controtelaio monoblocco isolante può efficientare un lavoro di coibentazione, congiungendo in modo perfetto infissi, pareti e cappotto.

Approfondiamo insieme le caratteristiche del controtelaio monoblocco isolante per finestre (o termocassone), e perché è importante sceglierlo in presenza di un cappotto termico.

Termocassone
Monoblocco isolante predisposto nella muratura

Cappotto termico e infissi | Che cos’è il controtelaio monoblocco isolante

Il controtelaio monoblocco, detto anche termocassone è un controtelaio per finestre altamente ingegnerizzato che permette di installare in modo performante gli infissi.

Il monoblocco isolante, costituito da quattro lati, predispone il montaggio del serramento sulla muratura, tenendo conto degli accessori della finestra e garantendo massimo isolamento nei principali punti critici.

Questo strumento permette di installare:

  • infissi con tapparelle;
  • serramenti con frangisole;
  • persiane.

In presenza di cappotto termico, il termocassone, permette di ottenere dei vantaggi in più, prevenendo ponti termici e criticità.


Cappotto termico e infissi | Com’è fatto il controtelaio monoblocco isolante

Il monoblocco, è costituito da quattro elementi:

  • Una parte sinistra; spalletta sinistra
  • Una parte destra; spalletta destra
  • Una parte superiore; testa o cassonetto
  • Una parte inferiore; base o sttobancale

Le prime due sono identiche perché le spallette solo sempre speculari;

La parte superiore varia a seconda del tipo di oscurante che sceglieremo.

La parte inferiore, chiamata sottobancale o soglia, permette di predisporre e isolare uno dei punti più critici del vano finestra.

Proprio come si evince dal nome, il monoblocco viene costruito in un blocco unico che viene poi installato nella muratura pronto ad accogliere la finestra ed il suo oscuramento. Un vero e proprio contenitore termico.

Esempio di monoblocco in opera

Cappotto termico e infissi | Perché il controtelaio monoblocco conviene

Il controtelaio monoblocco isolante, permette per prima cosa di ottenere maggiori garanzia nell’installazione dei serramenti. Servirà attenzione nella posa del monoblocco stesso, oltre che in quella del serramento. Il termocassone ci mette però in una posizione di vantaggio.

Questo strumento dà delle basi solide per la gestione di un processo delicato che di solito coinvolge diverse maestranze.

Il monoblocco semplifica le seguenti operazioni:

  1. L’installazione del controtelaio
  2. La preparazione delle spallette
  3. La predisposizione degli incassi per le guide dell’avvolgibile
  4. La predisposizione per il cavedio per l’avvolgibile
  5. L’isolamento del sotto soglia

Il risultato è che questi processi vengono garantiti attraverso un unico blocco isolante, già predisposto per tutti gli accessori. Il monoblocco, diventa poi una dima per l’impresa edile, così come per l’elettricista, offrendo un supporto su cui lavorare.

Adesso affronteremo il cuore della questione: il cappotto termico.


Cappotto termico e infissi | Come ci aiuta il monoblocco isolante

In presenza di cappotto termico, il monoblocco diventa un elemento che reputo fondamentale. Il termocassone infatti, permette di congiungere, attraverso una spalletta dedicata, il cappotto al serramento.

Infissi, pareti e cappotto, devono essere congiunti in modo perfetto per garantire il massimo isolamento, e soprattutto per evitare ponti termici e passaggio d’aria.

In un contesto di coibentazione infatti, un punto debole porterebbe a formazione di muffa e problemi di infiltrazioni nell’involucro edilizio.

Enea stessa, definisce il monoblocco “parte integrante del cappotto“, ed è proprio così. La complessa lavorazione che servirebbe per congiungere cappotto e infissi si risolve con questo strumento così prestazionale.

Il monoblocco ci permette inoltre di installare oscuranti e accessori, all’interno dello spessore del cappotto. Quella che si crea è una continuità tecnica, che previene ponti termici e passaggi d’aria, affiancata da un vantaggio estetico; tutti gli elementi sono contenuti all’interno del cappotto e del monoblocco.

Quando si installano nuovi infissi assieme a un cappotto termico, il mio consiglio è di valutare sempre il monoblocco isolante.


Risorse utili

Quali sono le normative da rispettare con il cappotto termico

Come funziona l’isolamento a cappotto di tetto e pareti

Quali sono i vantaggi del cappotto termico in estate

Guida alla corretta coibentazione della casa